Disponibile in libreria il 4° e ultimo volume della "Teologia Fondamentale in Contesto Scientifico

È uscito in libreria, per i tipi di Città Nuova editrice, il 4° e ultimo volume dell'opera di G. Tanzella-Nitti, Teologia Fondamentale in Contesto Scientifico, intitolato Fede, Tradizione e Religioni.

L'opera propone una Teologia della Credibilità (voll. 1 e 2) ed una Teologia della Rivelazione (voll. 3 e 4) la cui esposizione si snoda accettando il “contrappunto” della razionalità scientifica e filosofica. Il superamento dell'Apologetica cattolica classica in favore della contemporanea Teologia fondamentale non viene visto in modo conflittuale, ma graduale e inclusivo. La Teologia Fondamentale è compresa come teologia in contesto e teologia di fronte a un interlocutore, e pertanto disponibile ad un raccordo con la teologia pastorale e con la catechesi. Grazie alla loro sistematica, le diverse parti in cui questa Teologia Fondamentale in Contesto Scientifico è articolata possono essere impiegate anche dai docenti di materie di area teologico-fondamentale per la preparazione di corsi del ciclo istituzionale e della licenza specialistica. 

   

Quarta di copertina del vol. 4

Fede, Tradizione, Religioni, quarto e ultimo volume del Trattato di Teologia fondamentale in contesto scientifico, esamina sullo sfondo del pensiero contemporaneo, quello scientifico in particolare, la teologia della fede, la trasmissione della Rivelazione nella storia e la teologia delle religioni. La teologia e il Magistero della Chiesa sulla fede vengono considerati nella loro distensione storica, per valutarne implicazioni e contraccolpi sul complesso rapporto fra fede e ragione. Si esaminano le numerose sfaccettature bibliche della fede e dell’affidamento a Dio, la dimensione cristologica, ecclesiale e mariana della fede, componendo in modo non conflittuale le prospettive oggettiva e soggettiva, normativa e personalista. In dialogo con la contemporanea sociologia della religione, il volume dedica spazio al rapporto fra dogma ed esperienza e alle forme assunte oggi sia dalla fede, sia dalla non credenza, analizzando in particolare quale influsso giochi la scienza sull’accoglienza del cristianesimo, specie fra i giovani. Centrata sul ruolo dello Spirito Santo, della Tradizione si sottolinea l’ampiezza del soggetto ecclesiale e il compito dei fedeli laici, offrendo un’appropriata ermeneutica del concetto di “aggiornamento”. All’interno del rapporto fra storia e dogma si esamina come il progresso delle scienze possa influire positivamente sull’intelligenza della rivelazione e sullo sviluppo dell’insegnamento della Chiesa, inclusa la catechesi. Distinguendo il dialogo interreligioso da una teologia delle religioni propriamente detta, si mostra il ruolo propedeutico di una teologia della religione all’analisi del rapporto fra cristianesimo e religioni storiche. Vengono inoltre illustrati vantaggi e limiti di un’analisi comparativa della nozione di rivelazione, quando confrontata con la specificità della rivelazione ebraico-cristiana. Infine, in modo innovativo, il volume suggerisce di sviluppare una teologia delle religioni che sappia volgersi alle istanze veritative della filosofia e delle scienze.

   

Scarica l'indice generale del vol. 4

Acquista il volume

Scarica il flyer pubblicitario con le informazioni sull'intera opera in 4 voll.

Vai alla pagina dei libri pubblicati da G. Tanzella-Nitti per i contenuti e l'acquisto dei precedenti volumi